Liturgico Pastorale

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
 
 
 

Visitatori

  • Visitatori Totali: 10776185
  • Visitatori Unici: 110228
  • Utenti Registrati: 64
  • Ultimo Utente Registrato: pasquale de nicola
  • Nodi Pubblicati: 1453
  • Tuo IP: 54.234.191.202
  • Da: Dom, 2009-06-28 19:17

Porte, non muri

Sintetica definizione quella che ci ha regalato Benedetto XVI, annunciando il tema per la prossima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. Se le reti sociali sono "porte di verità e di fede" e non muri divisori, l'approccio al mondo di internet viene capovolto. Non si tratta di scegliere se stare di qua o di là dal muro, ma di attraversare questi spazi, sapendo che l'autenticità dipende sempre e comunque dalla persona. Il dualismo che ancora serpeggia nella mente di tanti per cui stare "on line" sarebbe necessariamente entrare in uno spazio virtuale, mentre essere "off line" garantirebbe di più la realtà dei rapporti, è falso.

Le reti sono "porte", dunque accesso ad uno spazio, certo immateriale, ma non fantastico, che rende possibile il sorgere delle domande di senso e la stessa ricerca della fede. Ce n'è abbastanza per attendere con ansia lo sviluppo del tema, in occasione della festa di S. Francesco di Sales.

 Mons. Domenico Pompili

 

per approfondire:

http://www.avvenire.it/Commenti/Pagine/47-giornate-mondiole-delle-comunicazioni-scelzo.aspx<


http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/Giornata-comunicazioni-2013.aspx<

Utenti on-line

Ci sono attualmente 0 utenti e 1 visitatore collegati.

Nuovi utenti

  • o.varriale
  • g.puglisi
  • a.palomba
  • m.palma
  • h.cozzolino

 

<

Indicazioni Iscrizioni Oratorio 2020/2022 e Modulistica <<

 

 

Moduli di adesione ai percorsi di catechesi parrocchiale<
Scarica allegato, stampalo, compilalo, invialo o consegnalo in parrocchia

CATECHESI ONLINE<

<

Allegato: 

<

 

 

«Cristo è venuto come sommo sacerdote dei beni futuri» (Eb 9,11). Per riconciliarci con il Padre e tra di noi, egli ha offerto se stesso, ha sancito l’Alleanza di amore sigillandola con il proprio sangue.
Il sangue di Cristo, vero Dio e vero Uomo, in quanto sangue umano è sparso nel dolore e nell’angoscia, nell’Orto degli ulivi e sulla Croce, ma, essendo anche sangue divino, ha il potere di redimere, di santificare, di purificare veramente le nostre coscienze. Una sola goccia di questo sangue – come si canta nell’inno Adoro te devote – può lavare tutto il mondo.

Accesso utente

CAPTCHA
Questa domanda è per verificare se sei un visitatore umano e per evitare lo SPAM.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.