Home

L'AMORE CONDIVISO 

dal Direttorio del  VIII Sinodo Diocesano
La Caritas parrocchiale


In maniera inderogabile deve essere costituita la Caritas nelle parrocchie in cui ancora non è stata formata.
Nelle parrocchie più piccole, dove potrebbe risultare difficile costituire una vera e propria Caritas parrocchiale, comunque non deve mai mancare qualche persona che, in collaborazione con le parrocchie vicine e la Caritas diocesana, costituisca il punto di riferimento della dimensione caritativa della piccola comunità.
La Caritas parrocchiale è un vero e proprio organismo pastorale, che opera come articolazione del Consiglio pastorale parrocchiale. Solo all’interno di un progetto complessivo di parrocchia, infatti, essa può trovare un’armonica collocazione in fecondo scambio con la catechesi e la liturgia.
La Caritas parrocchiale - sotto la responsabilità del parroco e diretta, dove possibile, da un diacono permanente - è il primo strumento di coordinamento delle iniziative di carità e condivisione sostenute a livello locale dai diversi gruppi di volontariato che operano in parrocchia, collaborando attivamente con questi. Essa si occupa innanzitutto di identificare i bisogni degli ultimi e le situazioni di emarginazione socio-culturale del territorio, consentendo in tal modo di operare un approccio sistematico - non paternalistico ed occasionale - alla risoluzione di problemi complessi.
Essa, inoltre, ha i seguenti compiti:
- collaborare con le istituzioni civili che nel territorio
sono preposte alle attività socio assistenziali, per evidenziare
la presenza dei cristiani nelle singole necessità;
- orientare la comunità parrocchiale al valore e alla pratica
dell’accoglienza, individuando famiglie disponibili ad
offrire ospitalità temporanea a persone in difficoltà;
- incontrarsi periodicamente con i catechisti, per coinvolgere quanti frequentano la catechesi (in primo luogo i cresimandi) in esperienze forti di carità vissuta;
- preparare, insieme agli animatori della liturgia, celebrazioni in cui risalti l’aspetto della carità;
- restare a disposizione in caso di emergenze, analizzando il territorio per eventuali interventi diretti.
I responsabili della Caritas parrocchiale ricevono ogni anno il mandato del Vescovo, che li qualifica come animatori pastorali della carità, dopo un congruo periodo di formazione e di tirocinio (cfr. nn. 138 - 143)
Per il buon funzionamento della Caritas parrocchiale è necessario un metodo di lavoro costante e programmato: riunioni periodiche, tempi comuni di preghiera e di studio, responsabilizzazione mediante incarichi personali per specifici ambiti, contatto con la Caritas diocesana, raccordo coi servizi sociali, programmazione e verifica annuale.

Calendario eventi

L M M G V S D
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
 
 
 

Accesso utente

CAPTCHA
Questa domanda è per verificare se sei un visitatore umano e per evitare lo SPAM.
CAPTCHA con immagine
Inserire i caratteri mostrati nell'immagine.

Visitatori

  • Visitatori Totali: 10776303
  • Visitatori Unici: 110229
  • Utenti Registrati: 64
  • Ultimo Utente Registrato: pasquale de nicola
  • Nodi Pubblicati: 1453
  • Tuo IP: 54.234.191.202
  • Da: Dom, 2009-06-28 19:17
Realizzato con Drupal, un sistema open source per la gestione dei contenuti